Eritema solare: i rimedi naturali per curare le scottature

Cristina Piotti

Eritemi solari, nemici della tintarella perfetta. La nostra esperta ci aiuta a capire come prevenire o curare gli eritemi con rimedi naturali e fitoterapici.
 

Rimedi alle scottature? Dalla natura arrivano dei validi aiuti, come l’aloe vera.  © maridav / 123RF


Come curare l’eritema solare? Quando si è dimenticata la protezione solare ecco che fanno la loro comparsa le bolle da eritema solare, e la scottatura è in agguato. Ecco perché è bene preparasi prima. Se però le scottature ci sono, accanto ai prodotti da banco, ci sono una serie di rimedi naturali e fitoterapici da tenere a mente. Enrica Villani, naturopata di Milano, ci spiega quali sono.
 

Come evitare l’eritema solare?

La pelle andrebbe preparata due o tre mesi prima delle vacanze al mare, incrementando l'assunzione di alimenti ricchi di beta-carotene e vitamina E, come carota, melone, albicocche, frutti rossi, pomodori (rossi, non verdi) tarassaco e spinaci. Una buona soluzione, da sfruttare tutto l'anno, è l'olio di semi di girasole. Si può preparare una bottiglia da usare per condire a crudo gli alimenti, con 1/2 litro di olio evo e 1/2 litro di olio di semi di girasole biologico.
 

Prevenire l’eritema solare: come si fa?

Prima cosa, è bisogna evitare il sole negli orari più caldi, tra le 11 e le 15. E usare una crema adatta al proprio fototipo, con una protezione minima di 30 e da spalmare almeno mezz'ora prima dell'esposizione al sole. Rimedi naturali in questo caso non esistono, perché gli schermi sono sempre e solo chimici. Possiamo, se preferiamo, comprare delle creme solari eco-bio, magari con componenti naturali come il burro di karité, ma il filtro solare sarà chimico, perché in natura non esiste nessun rimedio che schermi altrettanto bene dai raggi UVA e UVB che, come sappiamo, mettono a rischio la salute della nostra pelle.


Rimedi contro l’eritema, in caso di emergenza: quali sono?

Se ci siamo esposti al sole male, l'eritema può essere trattato inizialmente con dei rimedi naturali, in attesa di andare in farmacia o in erboristeria per prendere creme, unguenti o oli specifici. Per prima cosa, quindi, ci si deve rinfrescare con un bagno tiepido nel quale scioglieremo un paio di cucchiai di amido di riso. A parte, si uniranno poche gocce di olio essenziale di lavanda ad una manciata di sale grosso o un cucchiaio di latte o panna, che servono a veicolare l'olio, poi si aggiungerà questo composto profumato al bagno tiepido, prima di immergersi. Usciti dall'acqua, ci si tampona appena, e se l'eritema non è esteso si applicano delle fettine di patata o cetriolo, che calmeranno temporaneamente l'area.


Rimedi naturali contro l’eritema solare: quali sono?

Per trattare l'eritema, è bene comprare un prodotto fitoterapico specifico. Si possono usare oleoliti, cioè olio nel quale è stata macerata un'erba, oppure unguenti, ovvero creme a base di cera d'api o burro di karité. Ottimi contro gli eritemi gli oleoliti o unguenti a base di calendula, lenitiva e idratante, oppure iperico, un fantastico rimedio, in generale, contro ferite e scottature. Ma attenzione, l'iperico è altamente foto-sensibile quindi vietato esporsi al sole dopo l'uso. Ci sono anche prodotti a base di calendula e iperico insieme. Infine, l'aloe vera, molto lenitiva e curativa, che si compra sotto forma di gel.
 

I rimedi della nonna funzionano?

Tra i rimedi della nonna che hanno un fondo di verità, per trattare gli eritemi solari, c'è la camomilla, calmante, oppure il tè, che è astringente: si preparano, si fanno raffreddare anche con del ghiaccio, e si usano per tamponare la pelle arrossata. Anche lo yogurt funziona, per quanto scomodo. Meno il pomodoro, che è acidificante e non va bene, soprattutto se l'eritema presenta delle vesciche.


Eritema solare nei bimbi: cosa fare?

In caso di eritema solare dei bambini, per prima cosa è bene fare degli impacchi freddi sull’area, stando attenti a non fregare la pelle e non bucare le bolle o le vescicole, se ce ne sono. Bisogna quindi invitarli a bere molta acqua e chiamare il medico in caso di vomito, nausea, febbre.

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.