Ristrutturazioni 2018: incentivi e bonus casa in approvazione

Giulia Vola

In attesa dell’approvazione della Legge di Bilancio 2018 ecco le proposte relative all’Ecobonus, al Bonus per le ristrutturazioni, per l’acquisto di mobili, al Bonus Verde e al Bonus Sisma.

Gli incentivi per l'edilizia consistono in detrazioni Irpef da spalmare in 10 anni. © dolgachov/123RF


Premessa, sebbene il pacchetto dei bonus casa 2018 sia stato già redatto in forma ufficiale, prima di avere la certezza sugli incentivi fiscali - detrazioni Irpef da spalare in quote uguali in un arco temporale di dieci anni - è necessario aspettare l’approvazione in via definitiva della Legge di Bilancio 2018, al momento in discussione al Senato.


Ecobonus 2018: gli incentivi alle ristrutturazioni

Il pacchetto casa ha confermato il cosiddetto Ecobonus, la detrazione Irpef del 65% relativa ai costi intrapresi per migliorare l’efficienza energetica di un immobile. Nello specifico rientrano i lavori cominciati dal 1° gennaio 2018 fino a un massimo di 30mila euro per la sostituzione di impianti di riscaldamento; di 40mila euro per chi installa pannelli solari volti alla produzione di acqua calda e per chi riqualifica l’involucro di edifici esistenti e di 100mila euro per una totale riqualificazione energetica. Per quanto riguarda invece la detrazione relativa all’installazione di caldaie a biomasse e a condensazione, di infissi di ultima generazione e schermature solari, nel 2018 l’aliquota passerà dal 65% al 50%.


Bonus ristrutturazione 2018

Via libera anche al bonus ristrutturazione: confermata la detrazione al 50% dall’Irpef sulle spese affrontate per una ristrutturazione fino a una spesa massima di 96mila euro. Nello specifico l’incentivo riguarda i lavori all’interno di immobili esistenti, la manutenzione ordinaria e straordinaria e il recupero oltre che il risanamento conservativo.


Bonus verde

Se approvato nella Legge di Bilancio 2018, l’innovativo Bonus Verde permetterà la detrazione del 36% per interventi fino a 5mila euro di spesa relativi a investimenti per terrazzi e giardini privati.


Bonus Mobili

Se in Senato tutto andrà come previsto, anche nel 2018, ma solo in concomitanza di una ristrutturazione dell’immobile, sarà possibile beneficiare del bonus mobili, ovvero della detrazione al 50% per acquisti fino a un massimo di 10mila euro. Nel dettaglio rientrano nel bonus gli arredi domestici (letti, armadi, tavoli, sedie, etc.), i mobili della cucina, gli elettrodomestici - congelatore, frigorifero, lavastoviglie, lavatrice e asciugatrice purché di classe energetica almeno A+ e forno, per cui, invece, è sufficiente la classe A - e gli arredi del bagno.


Bonus Sisma

Infine il Bonus Sisma, attinente alla riduzione del rischio sismico, che prevede una detrazione dal 70% all’80% per le spese affrontate dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021 volte alla riqualificazione degli edifici (abitazioni e attività produttive) delle zone ad alta pericolosità (1, 2 e 3) oltre che per la qualificazione sismica degli immobili, fino a un tetto massimo di 96mila euro sostenuti per ciascun immobile, all’anno. Nel caso in cui, invece, gli interventi riguardino parti condominiali le detrazioni salgono al 75% e 85%.

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.