Legno in salotto, in cucina, in camera e (pure) in bagno

Giulia Vola
  • Da Zanotta a Thonet, da Riva Riva 1920 a Mobart Ben, da hülsta a Wewood passando per Ikea, il legno  arreda tutta la casa: duttile, antico e sempre glamour si presta alle rivisitazioni più ardite come alle interpretazioni più classiche. 

    Il tavolo "Santiago" by Zanotta ha una linea affusolata come un’ala d’aereo.


    Anche nel secondo Millennio il legno è ancora il protagonista delle nostre case. Vivo, caldo e duttile si presta a tutti gli stili e arreda gli spazi della casa come all'inizio dell'umanità. La tendenza più cool del momento è al naturale, senza fronzoli, rispettoso della natura, dal salotto alla camera da letto, passando per il bagno e la cucina. 

    Diceva bene nel 1989 Aurelio Zanotta, fondatore dell'omonima industria d'arredamento che dal 1954 progetta arredi made in Italy ormai sparpagliati in tutto il mondo: "Dobbiamo presentare al pubblico una produzione con esatta destinazione e con precise funzioni ma che abbia qualità innovative ed emotive. Non intendo innovazione solo di forma ma di sostanza. Io ho sempre ricercato, inventato e prodotto oggetti che non fossero solo superficialmente nuovi: non cerco oggetti che fanno mode perché penso che la moda sia conformismo e il conformismo dal mio punto di vista appartiene già al passato".  

    Ecco che allora, il suo tavolo in legno Santiago progettato dall’austriaco Frank Rettenbacher per la collezione 2015 ha una linea affusolata ed elegante, con la leggerezza formale di un’ala d’aereo. "L’idea è di portare la stessa leggerezza dei tavoli di metallo anche nelle versioni di maggiori dimensioni, con un progetto contemporaneo dalla silhouette lineare e distintiva - spiega il designer -. Il tavolo è costruito con un piano di legno massello e con gambe affusolate abbracciate da sottili fili metallici che illustrano il flusso delle forze: una costruzione, ispirata dall’opera dell’architetto Santiago Calatrava, con cui ottenere la massima stabilità pur mantenendo le gambe di legno più sottili possibile". Un tavolo che, grazie alla ricerca di Zanotta "è uno dei più leggeri di legno massello che esistano sul mercato". Un tavolo dai contorni morbidi (disponibile in due dimensioni) che invita le persone a riunirsi attorno, come nella più vera delle tradizioni made in Italy che, in tempi moderni, è sempre più un lusso da gustarsi fino in fondo. 

    Ma il legno, soprattutto al naturale, è il sovrano di tutte le stanze dei tempi moderni. Lo sanno bene i marchi Wiener  GTV  Design - la riedizione moderna di quel Gebrüder Thonet Vienna che fece del faggio curvato uno stile inconfondibile -, Riva 1920, Team 7, Mobart Ben, Wewood, Legnobagno, Hülsta e perfino Ikea che con il legno creano mobili per tutti i gusti e tutte le ore. Vedere per credere.  

    Copyright foto: Zanotta
  • Legno d'ispirazione scandinava


    Il tavolo da pranzo "Maria" del portoghese brand Waewood d'ispirazione scandinava.


    Il portoghese marchio Wewood - fondato nel 2010, forte dell'esperienza che l'azienda Moveis Carlos Alfredo ha maturato fin dal 1964 - elegge il legno come l'assoluto sovrano della casa. Il tavolo rotondo Maria di rovere massello, d'ispirazione scandinava, ha un design fluido e leggero. Le gambe, che ricordano gli stecchini, gli danno un accento retrò che riporta gli ospiti (fino a sei) a tempi in cui c'era tempo per tutto.

    Copyright foto: Wewood
  • Legno Thonet: curve di rinnovata eleganza


    Il faggio curvato emblema del marchio austriaco Gebrüder Thonet Vienna.


    Gebrüder Thonet Vienna
    è parte di una grande storia europea che coniuga tradizione e innovazione e oggi rinnova il sodalizio con il mondo del design progettando una nuova fase della sua storia insieme a designer che fanno della ricerca uno dei tratti distintivi del loro percorso creativo. A questo s’ispira la nuova collezione del  marchio Wiener  GTV  Design dove gli echi di quell’August Thonet che all’inizio del Novecento incantò il mondo con il suo gusto si fanno moderni e contemporanei, senza perdere la loro essenza.

    Il tavolo ripropone il faggio curvato, emblema del marchio, e il piano in frassino, perfetto per ogni ambiente. La rinnovata esuberanza del marchio trasuda eleganza e leggerezza. 

    Copyright foto: Gebrüder  Thonet Vienna - Wiener  GTV  Design
  • Legno massello, legno vivo


    Il tavolo "Boss Executive" in legno massello firmato Riva 1920 trasuda l'essenza naturale.


    Novantacinque anni di ricerca, dedizione ed esperienza nella lavorazione del legno fanno di Riva 1920 un marchio tra i più affermati nell'arredamento in legno. Il tavolo Boss Executive, in noce massello lascia che le gambe passanti - ricavate da sezioni di tronchi d’albero - siano a vista sul piano. Il legno continua a vivere anche nelle vostre case, è sensibile all'ambiente e all'umidità perciò, eventuali crepe o spaccature sono del tutto normali.

    Copyright foto: Riva 1920
  • Legno componibile


    Il salotto della linea "Vedua" del brand tedesco "hülsta": componibile e sospeso .


    Hülsta
    è il legno massello made in Germany che dal 1940 è sinonimo di qualità - tutti i materiali provengono da fonti gestite in modo sostenibile - ed eleganza. Il salotto della linea Vedua sfoggia l'arte della combinazione: le singole unità creano un equilibrio d'insieme che può essere modificato a seconda delle esigenze, gli eleganti supporti ad arco e le maniglie cromate cattureranno il vostro sguardo facendovene innamorare.

    Copyright foto: hülsta
  • Legno profumato


    Nel tavolino della linea "now!vision" di hülsta la natura ritorna a fiorire.


    Tutti quelli che amano la progettazione creativa ma non sono disposti a rinunciare ai valori di qualità, s’innamoreranno della linea now!vision firmata hülsta. Il piano di vetro del tavolino per il soggiorno ha uno spazio (su richiesta) in cui possono rifiorire le piante, in un trait d’union con quella natura da cui il legno (noce o rovere, disponibile al naturale o laccato) arriva.

    Copyright foto: hülsta
  • Legno pop


    La credenza Pandora di Wewood dalle linee rette e i colori accesi.


    Linee rette
    e incursioni di colori accesi, rendono Pandora una credenza più unica che rara, dai dettagli curati e dagli echi pop. La struttura, nello spirito di Wewood, è componibile a seconda dei gusti e delle esigenze rivelandosi perfetta per la casa come per l’ufficio.

    Copyright foto: Wewood
  • Legno per fare ordine


    Nella libreria hülsta c'è spazio per tutto, anche quello che non deve essere visto.


    Un posto per ogni cosa, ogni cosa al suo posto. Un sogno che grazie al sistema di scaffalatura incorniciato della linea now!vision firmato hülsta si realizza e si adatta alle singole esigenze: i piani della libreria, infatti, possono essere programmati in tre altezze e larghezze multiple. Grazie ai cassetti e agli armadietti, c'è spazio anche per tutto ciò che non volete lasciare in vista

    Copyright foto: hülsta
  • Legno per "La Cucina"


    "La Cucina" essenziale e rigorosa firmata dal designer Matteo Thun per Riva 1920.


    Dallo stile semplice e rigoroso dell’architetto Matteo Thun nasce “La Cucina”, realizzata interamente in legno multistrato impiallacciato e disponibile in varie essenze. Con la caratteristica finitura ad olio naturale agli estratti di pino, “La Cucina” presenta un’elegante continuità di venatura su basi, pensili e colonne.

    Copyright foto: Riva 1920
  • Legno a isola


    La cucina a isola "Vao/Linee" dell'azienda austriaca Team 7, leader nella lavorazione del legno.


    L’azienda austriaca TEAM 7, leader in Europa nella produzione di mobili e complementi di design in legno massello naturale - proveniente solo da fonti di coltivazioni certificate -, propone la cucina Vao/Linee ovvero l’incontro perfetto tra natura e design. Le venature continue e trasversali corrono lungo i cassetti del bancone e sui frontali delle colonne, sposando la semplicità delle forme a quella del materiale. L’isola di cottura firmata dal design di Sebastian Desch, gli inserti in vetro colorato e gli accessori funzionali completano l’opera (pluripremiato, tra l’altro).

    Copyright foto: TEAM 7
  • Il legno per lavorare (e rifarsi il trucco) 


    Wewood reinterpreta con il legno il dressing table urbano.


    Si chiama "Lei" un dressing table ma (senza specchio) può diventare una scrivania (volendo anche per lui). In quercia solida, "Lei" è firmata dal designer Andre Teoman per Wewood ed è la soluzione perfetta per le donne moderne e urbane che mentre lavorano fanno mille altre cose e non rinunciano ad essere sempre sexy.

    Copyright foto: Wewood
  • Legno, doghe e sonni sereni


    La testiera del letto "Bam Bam" firmato da Terry Dwan per Riva 1920 è composta da doghe.


    Il letto "Bam Bam" firmato dalla designer Terry Dwan per Riva 1920 è tutto in legno massello: la sua caratteristica sta nella testata, una sequenza di doghe che si innestano con un gioco regolare in una fascia dal bordo naturale. La struttura e il basamento, essenziale e dalla forma squadrata, è disponibile in diverse misure ed essenze. Il letto Bam Bam è inoltre disponibile con materasso incassato nella struttura e con piano rete regolabile in altezza.

    Copyright foto: Riva 1920
  • Legno senza fronzoli per la notte


    La linea "Lunis" di hülsta esprime nel letto "Titel" tutta la semplicità del legno senza fronzoli.


    Dal classico all'artistico: la camera da letto Lunis di hülsta è la scelta perfetta per tutti quelli che arredano al di là degli stereotipi. 
    D'ispirazione scandinava, dai colori chiari, le architetture eleganti, classiche e modularial letto Lunis si può accorpare un pannello dietro la testata che può essere equipaggiata con piccoli cassetti, box o console sospesi, per soddisfare le esigenze di ognuno.

    Copyright foto: hülsta 
  • Legno per la cabina armadi


    La cabina armadi firmata Lissoni, in legno, per dare un posto ad ogni outfit.


    La nuova cabina armadio Hangar affianca quella storica del catalogo Lema. Disegnata da Piero Lissoni, aggiunge ai pannelli di rivestimento murale in legno e vetro retroilluminato l’utilizzo di montanti pavimento/soffitto che concorrono a sorreggere il peso delle attrezzature e costituiscono un dettaglio di qualità.

    Copyright foto: Lissoni
  • Un caldo bagno in legno


    Mobart Ben fa del legno il re della casa, anche in bagno.


    Mobart Ben, l’azienda del bellunese fondata nel 1968 che produce arredi e finiture in legno su misura e su progetto è l’essenza del made in Italy come si faceva una volta. Caratterizzata dalla scelta di materie prime di alta qualità e tecnologie avanzate - il tutto all’insegna dell’ecostenibilità -, rende protagonista la maestria e l’abilità della lavorazione a mano rendendo ogni manufatto un pezzo unico.

    Copyright foto: Mobart Ben
  • Legno e cemento


    La collezione "Genius" di Legnobagno proporre linee e finiture più ricercate.


    Il legno in bagno, al naturale o laccato o rivestito, è la specialità di Legnobagno, l'azienda che grazie all'esperienza di architetti, disegnatori e artigiani trasforma idee e i progetti in concrete realtà. Il bagno della collezione Genius è perfetto per chi è alla ricerca di soluzioni componibili ma non rinuncia a linee e finiture più ricercate. 

    Copyright foto: Legnobagno
  • Legno svedese


    Il bagno della linea "Godmorgon", firmato Ikea, con i cassetti in legno massiccio esistente ai graffi.


    Ikea
    non ha bisogno di presentazioni: il design svedese, i colori chiari, le linee pulite, la garanzia dieci anni e i prezzi accessibili. La linea Godmorgon propone cassetti in legno massiccio con base in melammina, resistente ai graffi. 

    Copyright foto: Ikea

Annunci Google

Nessun commento per il momento.