Crisi di coppia: 10 segnali per riconoscerla

Elena Bianchi
  • Il rapporto di coppia è in crisi? Ecco i  dieci campanelli d'allarme che i partner devono ascoltare prima che il rapporto si logori in maniera irrimediabile.

    Una coppia in crisi si allontana dal contatto fisico. © dolgachov/123RF


    Segnali di crisi nella coppia in cui manca il contatto

    La crisi logora una coppia che ignora i segnali. Il primo che dovrebbe indurre i partner a interrogarsi sulla loro vita a due è la mancanza di contatto fisico: quand'è l'ultima volta che vi siete abbracciati? Che vi siete tenuti per mano? Che vi siete dati un bacio? Prima ve ne accorgete e prima correte ai ripari più probabilità avrete di salvare la relazione.


    Leggi anche: Cosa fare quando ci si annoia: 10 spunti per la routine di coppia   

  • Mancanza di comunicazione

    La comunicazione di una coppia in crisi è ridotta ai dialoghi strettamente necessari. © Peter Bernik/123RF


    Di pari passo con il contatto, una coppia in crisi rinuncia a comunicare: non condivide più situazioni ed emozioni smettendo di contagiarsi a vicenda, infrangendo così una delle regole di John Gottman per una felice vita a due. L'unico dialogo che sopravvive è quello funzionale all'ordinaria amministrazione. Per capire se la situazione è grave fate un test: andate a cena fuori in un bel posto e se dopo aver ordinato le portate, a tavola cala un silenzio imbarazzato spezzato solo dal rumore delle posate, allora la crisi è ufficialmente iniziata.

  • Mancano l'empatia e l'intelligenza emotiva

    I partner in crisi smettono di ascoltarsi e iniziano a fraintendersi. © Wavebreak Media Ltd/123RF

     
    Una coppia in crisi smette di comunicare con il linguaggio del corpo, di coltivare l'empatia e ascoltare l'intelligenza emotiva: i partner si fraintendono, sono infastiditi a vicenda, convinti che l'altro abbia torto a prescindere e pessimisti sulla possibilità di trovare punti in comune e di contatto. Invece di cercare mediazioni e vie d'uscita i partner s'incastrano in circoli viziosi, spesso senza uscita.


    Leggi anche: Cos’è l’amore? 5 trucchi per una storia a lunga conservazione

  • Partner lontani, partner che non condividono

    Quando i partner sono in crisi non hanno voglia di condividere il tempo libero. © Wavebreak Media Ltd/123RF


    Improvvisamente non si ha più voglia di condividere con il partner il tempo libero: niente più cene fuori, serate a due, weekend in coppia o passeggiate al parco. Se si riesce a cogliere il segnale prima che sia troppo tardi si può organizzare una sorpresa romantica e affrontare il problema.

  • Pianificare? Un ricordo lontano

    La coppia in crisi smette di pianificare il futuro. © Wavebreak Media Ltd/123RF


    C'è stato un tempo in cui si pianificava la quotidianità e l'avvenire nei dettagli: quando la crisi ha inizio ciascuno fa per sé, organizzando il proprio tempo in maniera del tutto autonoma, senza tenere minimamente conto delle esigenze o dei desideri del partner. I partner (o uno dei due) semplicemente s'ignorano.

  • La crisi di coppia e il desiderio

    Nella coppia in crisi il desiderio sessuale si assopisce. © Iurii Sokolov/123RF

     
    Nella coppia in crisi latita il desiderio sessuale. Il problema è che (a livello fisico) non fare sesso ha delle conseguenze precise: meno se ne fa, meno se ne farebbe. Risultato: il rischio di trasformarsi in una coppia bianca è dietro l'angolo. Tenete presente che, in media, una coppia fa l'amore una o due volte alla settimana: se scendete sotto questa soglia allora sentirete il campanello d'allarme suonare. A voi la scelta se ascoltarlo, magari decidendo di mettere in scena qualche trasgressione di coppia per risollevare la situazione o lasciar perdere, consapevoli che, in questo caso, il rischio di trovarsi a vivere (o subire) un tradimento si fa reale ogni giorno di più.

  • Coppia in crisi? Partner trasandati

    Uno dei campanelli d'allarme è l'aspetto trasandato del partner. © Wavebreak Media Ltd/123RF


    Quando i partner sono in crisi non hanno più voglia né di prendersi cura a vicenda, né di farsi belli l'uno per l'altro: improvvisamente l'aspetto si fa trasandato, la voglia di essere attraenti agli occhi dell'altro svanisce e, di conseguenza, il desiderio, già ammaccato, perde ogni spunto. Se improvvisamente la tendenza s'inverte e uno dei due ritorna davanti allo specchio il campanello d'allarme potrebbe suonare per un tradimento.


    Leggi anche: Come scoprire un tradimento: istinto e tecnologia per veri segugi 

  • Partner in crisi, partner che non si sostegono

    Il sostegno è fondamentale nella vita a due: quando manca la coppia è in crisi. © Wavebreak Media Ltd/123RF


    Invece del sostegno piovono prima le critiche e poi (inevitabilmente) il disprezzo: la storia è già stata intaccata dal germe della fine. A differenza delle lamentele che possono essere costruttive, le critiche (e poi il disprezzo) mortificano l'altro, lo privano del sostegno affettivo e della tensione a migliorarsi. Il campanello d'allarme va di pari passo con la tentazione a voler cambiare l'altro: per la serie c'erano una volta le affinità elettive e ora non ci sono più.


    Leggi anche: Terapia di coppia, le 6 ragioni delle donne sulla fine del matrimonio

  • La tempesta perenne della coppia in crisi  

    Nelle coppie in crisi i litigi sono frequenti, scoppiano per nulla e ritornano sempre sulle stesse ragioni. © Wavebreak Media Ltd/123RF


    L'amore non è bello se non è litigarello, si dice. Quando però, una coppia passa il tempo a discutere con toni accesi, lasciandosi sfuggire frasi crudeli che travalicano la questione specifica ma hanno a che fare (quasi) sempre con gli stessi motivi (che però non vengono affrontati per davvero) allora è il momento di guardare in faccia la realtà e occuparsi delle incomprensioni. Viceversa, un giorno si smette anche di litigare ma dell'amore non ci sarà più traccia.


    Leggi anche: Coppia: 10 soluzioni per smettere di litigare

  • La coppia senza più la coppia

    La coppia che non affronta la crisi è destinata a naufragare. © Iurii Sokolov/123RF


    La vita in coppia è "il contrario di uno", per dirla con un titolo di Erri De Luca: ebbene quando due partner si sentono da soli anche quando sono insieme, la crisi è diventata affare serio: la solitudine è il miglior concime per il tradimento e, in generale, per la fine della storia. Se siete arrivati a questo punto è perché avete ignorato tutti i segnali precedenti, scegliendo quindi di lasciar morire la relazione. Non è mai troppo tardi, si dice, a voi la scelta se andare avanti e voltare pagina o tentare di rianimare il rapporto.


    Leggi anche: Amore finito? 10 consigli per reagire (e rialzarsi)

Annunci Google

Nessun commento per il momento.