Caffè al ginseng: calorie, effetti e benefici

Cristina Piotti

Ginseng e caffè, un mix che sta prendendo sempre più piede in Italia. Unisce le proprietà energizzanti al piacere di una tazzina di bevanda nera e intensa. 
 

Caffè al ginseng in gravidanza, quali sono le controindicazioni per le future mamme? E per tutti gli altri? © Thanawat Wongsuwannathorn / 123RF


Caffè al ginseng: effetti, o benefici, ma anche controindicazioni, sono ancora un mistero per voi? Si tratta di una bevanda con una nicchia di fedeli consumatori, che lo preferiscono al semplice caffè. Al bar, a casa o dalla macchinetta, in ufficio. Una voce così importante da entrare a pieno titolo nei dati di rilevazione Istat. Tra usi e gusti, ecco di cosa si tratta.

 

Benefici del caffè al ginseng

All’americana suona proprio così, ginseng coffe. Una bevanda al ginseng che nasce dall’aggiunta al caffè normale di quest'erba che cresce in Asia e Nord America. In Cina, dove la tradizione del suo consumo è secolare, si dice che il rimedio fitoterapico abbia svariate proprietà: si dice essere energizzante e afrodisiaca. Secondo la medicina tradizionale cinese, cura  i disturbi gastrointestinali, l’impotenza e riattiva la circolazione sanguigna. In effetti, sono delle proprietà che, dai primi studi preliminari, sarebbero confermate anche dalla medicina occidentale.

 

Bevanda al ginseng

Noi chiamiamo caffè ginseng (o caffè al ginseng) una bevanda che contiene solitamente una miscela di caffè arabico e radice secca o addirittura semplice aroma di ginseng americano.

Non si tratta certo dell’unica bevanda energizzante a nostra disposizione: oltre a integratori e prodotti alimentari, come dolci e barrette energetiche, gli estratti liofilizzati di ginseng sono utili per preparare una tisana al ginseng che, tuttavia, può essere fatta anche semplicemente con la radice, acqua bollente infusa per pochi minuti e un pizzico di miele. 

 

Cosa contiene il caffè al ginseng?

Le proprietà del caffè al ginseng di questa bevanda, sommate, sono molte. Di sicuro abbiamo la caffeina della miscela arabica. Poi alcuni sali minerali derivati dalla radice di ginseng, e infine le molecole energizzanti, le saponine, che rendono la radice così popolare. Ma attenzione, non sempre il prodotto industriale assicura queste ultime sostanze, e se si tratta di prodotto liofilizzato o, peggio, di un semplice aroma, di sicuro potrebbe esserci solo un caffè ad un aroma diverso dal solito. 

Come spiegato, gli ingredienti del caffè al ginseng variano molto da prodotto a prodotto. Le miscele migliori di caffè conterranno alte percentuali di caffè ed estratto di ginseng. Altre, potrebbero contenere colorati, emulsionanti, aromi e sciroppo di glucosio, lasciando ai protagonisti, ovvero caffè e ginseng, solo una ridotta percentuale nel totale della bevanda. Così come il caffè al ginseng solubile. È bene quindi visionare la lista degli ingredienti, prima di ordinare il caffè.

 

Il caffè al ginseng fa male? Le controindicazioni

In linea di massima, la dose di caffeina è la stessa di un caffè normale, anche se, a seconda delle miscele, la quantità di caffeina potrebbe essere un poco inferiore di quella di un caffè normale. 

Dato che la quantità di caffeina è più o meno la stessa, valgono (salvo diversa indicazione del medico, o una particolare sensibilità alla radice) le medesime indicazione di qualsiasi altro caffè, cioè di non abusarne e anzi controllarne l’uso, soprattutto in gravidanza o se si soffre di ipertensione. Un consumo eccessivo di caffè al ginseng, inoltre, come le altre bevande nervine,  può causare irritabilità e insonnia

 

Calorie

Una componente del prodotto industriale è lo sciroppo di glucosio idrogenato, il che spiega perché il caffè al ginseng che si serve al bar, di solito, nasconda tra le 80 e le 100 calorie.

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.